Torna indietro - Back

Le Mini - Costruire un utensile per la ricarica delle sospensioni Hydrolastic

La diffusione dell'apparecchiatura per ricaricare le sospensioni è oramai bassa, se avete la fortuna di trovarne una e riuscite a portarvela a casa vi siete garantiti lunga vita alla Mini.
In commercio esiste una pompa per la ricarica delle sospensioni (vedi foto a destra) ma ha un prezzo esagerato per il povero appassionato che necessita dell'apparecchio una volta ogni (si spera) 3-4 anni.
Una buona alternativa è quella di assemblare una pompa partendo da un ingrassatore che conosciamo molto bene dato che la Mini ha almeno 8 ingrassatori da "nutrire" periodicamente per evitare rumori sinistri e riparazioni onerose.
L'idea non è mia, l'ho scoperta navigando in rete ed ho avuto la conferma della facilità di costruzione da un conoscente che se l'è realizzata per ricaricare la propria Innocenti Mini Cooper MK3.

Sono necessari principalmente un ingrassatore di buona costruzione, un connettore adatto per collegare la valvola di ricarica con rubinetto di esclusione ed eventualmente un manometro per la pressione dei liquidi.

Se l'ingrassatore ed il manometro si trovano facilmente tra negozi di faidatè ed idraulica, il connettore è più difficile da reperire. Come descritto su www.oldertech.com  il connettore è usato dove è necessario l'impiego di gas o  impianti idraulici ad alta pressione, quindi tecnologia che può essere condivisa con i sistemi Hydrolastic.
Il connettore per esempio è prodotto dalla Parker www.parker.com ed il Part Number è P/N 8708150000, viene denominato "Gas Chuck".

Alcuni impiegano semplici connettori senza la vite di sblocco,più facili da reperire e fanno semplice affidamento alla valvola del circuito Hydrolastic che si apre sotto pressione e non meccanicamente con il suddetto connettore.

Il connettore deve essere montato all'estremità del tubo in gomma dell'ingrassatore. Se viene usato il connettore denominato "Gas Chuck" si può montare su una derivazione a T anche un manometro che ci indicherà la pressione del circuito quando viene sbloccata la valvola di ricarica. Il manometro è molto utile soprattutto se si stanno ricaricando circuiti bloccati e scarichi da tempo. L'indicazione della pressione ci evita di sovraccaricare l'impianto soprattutto se l'elemento Hydrolastic è bloccato e non vediamo alzarsi la vettura.
In serie al tubo in gomma prima del manometro è utilissimo montare una valvola di non ritorno per evitare di scaricare l'impianto durante l'utilizzo con la valvola aperta, cosa che può avvenire se l'ingrassatore non ha una tenuta perfetta.

Come caricare l'impianto
Svitare il rubinetto a T del nostro apparecchio di ricarica. Togliere il tappo dalla valvola di ricarica. Avvitare ma non stringere il connettore alla valvola di ricarica. Caricare l'ingrassatore del liquido specifico di ricarica e iniziare a caricare lentamente fino a quando il liquido verde uscirà dal connettore. Questa operazione ha permesso di eliminare l'aria dal tubo di raccordo. A questo punto stringere il raccordo e prepararsi alla ricarica. Adesso bisogna stringere il rubinetto a T per aprire la valvola del circuito. La valvola di non ritorno eviterà di perdere pressione ed il circuito è pronto per essere ricaricato. Partire con la carica pompando l'ingrassatore e portare la Mini all'altezza desiderata.
Una volta arrivati all'altezza desiderata basta allentare il rubinetto a T del connettore. Poi svitare il raccordo dalla valvola.
Ripetere l'operazione dall'altro lato.

Se l'altezza viene superata conviene riallineare la vettura scaricando leggermente l'impianto.
Svuotare quindi il raccordo dell'ingrassatore e collegare il raccordo alla valvola. Stringere molto lievemente il rubinetto a T per pochi attimi fino all'altezza desiderata. Se il tubo ha la valvola di non ritorno è necessario smontarla altrimenti non uscirà il liquido.

Se avete consigli e/o esperienze in merito potete scrivermi a

 

Si ringrazia members.cox.net/oldertech/ per le spiegazioni perfette sulla costruzione del sistema di ricarica Hydrolastic.
Thanks to members.cox.net/oldertech/
Traduzione a cura di miniminor.com

Si specifica che l'intervento descritto vuole essere di aiuto a chi non riesce ad intervenire con le apparecchiature adatte all'operazione di ricarica Hydrolastic, si declina ogni responsabilità per qualsiasi danno arrecato o funzionamento dell'apparecchiatura.

 

 

 

 

 

Torna indietro - Back